Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione se ne accetta l'utilizzo.
Per maggiori informazioni sulle caratteristiche e sulle modalità di disattivazione di tali cookie si veda l'
informativa estesa.

Azione di informazione, comunicazione, sensibilizzazione e pubblicità.
Fondi Strutturali Europei 2014-2020

Articoli

Polizia di Stato e Rosetti: formazione e prevenzione per gli studenti

Foto di gruppo

La Polizia di Stato ed il Liceo Rossetti hanno consolidato la loro collaborazione con un evento che, lo scorso 15 aprile, ha riunito nell’aula magna dell’istituto alcuni rappresentanti del corpo di pubblica sicurezza e molti studenti. L’incontro ha visto due distinti momenti, quello informativo-formativo volto a stimolare nei ragazzi un uso consapevole dei social media e, più in generale, della rete internet e quello conclusivo di un percorso di Asl grazie al quale la classe 5^S ha potuto seguire un corso di autodifesa.

A salutare e presentare alla platea delle classi prime il dottor Guido Riconi, vicequestore di Ascoli Piceno, è stata la Dirigente Scolastica Stefania Marini, la quale, augurando che il momento fosse utile per una riflessione profonda su tali tematiche, ha sollecitato l’attenzione su di esse, che sempre più spesso vedono i ragazzi protagonisti, a volte inconsapevoli, di eventi che rischiano di segnare la loro vita per un utilizzo ‘leggero’ del web. Da qui l’intervento del dottor Riconi, indirizzato proprio a fornire elementi di base quali quelli relativi ai dati ed ai materiali automaticamente acquisiti dai proprietari delle grandi piattaforme web, alla loro diffusione incontrollata, alla impossibilità di recuperarli o cancellarli, all’utilizzo che di tali informazioni, acquisite con il consenso e poi vendute, gli stessi proprietari fanno, a fronte di un’apparente gratuità di utilizzo di social media o app telefoniche. Un quadro che la maggior parte delle persone, non esclusi i più giovani, non ha ben chiaro e che ha portato e continua a portare a vicende spesso dai risvolti drammatici per vittime e colpevoli e che travolgono intere famiglie, perché legate a forme di persecuzione più o meno esplicite che sfociano in quelli che sono veri e propri “reati- ha precisato il dottor Rigoni facendo riferimento a vicende di cronaca anche meno note- quali il cyberbullismo, lo stalking o il revenge porn”. D’altra parte testimonianze dirette di bullismo sono venute dalla stessa platea che ha così toccato da vicino la realtà del problema.

L’occasione, come detto, è stata anche quella per rinnovare il sodalizio tra la Polizia ed il Rosetti che non si è limitato ad incontri formativi (ben altri due si sono svolti nel corso del corrente anno scolastico) ma che ha portato la classe 5^ del Liceo sportivo a seguire le lezioni di difesa personale tenute da esponenti del corpo di polizia; “un’occasione formativa di altissima qualità”, ha sottolineato il professor Francesco Butteri, il quale ha seguito con la professoressa Manuela Malatesta gli studenti in questo originale ed anche utile percorso che, ufficialmente concluso con la consegna degli attestati, ha ricevuto attenzione anche da parte del TgR Marche  nell’edizione in onda alle 14 dello stesso giorno, cui si riferisce il link: https://www.rainews.it/tgr/marche/notiziari/video/2019/04/ContentItem-22d773d0-4d7e-493f-bbac-7f12c20ac1aa.html.

GALLERIA FOTOGRAFICA

 

 

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn