Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione se ne accetta l'utilizzo.
Per maggiori informazioni sulle caratteristiche e sulle modalità di disattivazione di tali cookie si veda l'
informativa estesa.

Azione di informazione, comunicazione, sensibilizzazione e pubblicità.
Fondi Strutturali Europei 2014-2020

Leopardi e la vita: Sara e Valeria si affermano al concorso “Raccontar…Scrivendo”

Sara Vecchio - Valeria Malavolta Turchet

Si rallegra ogni core./Sì dolce, sì gradita/Quand’è, com’or, la vita? Tre fra i versi più intensi di Giacomo Leopardi, tratti dalla canzone La quiete dopo la tempesta, sono stati lo spunto per la nona edizione del  Concorso nazionale di scrittura ‘Raccontar…Scrivendo’ indetto dall'associazione "La casetta degli Artisti" di Recanati, nell’ambito del quale si sono particolarmente distinte due allieve del Liceo Scientifico Statale ‘Rosetti’ di San Benedetto del Tronto.  Si tratta di Sara Vecchio, della classe 1 M, giunta quarta, e Valeria Malavolta Turchet, della classe 2 A, che si è collocata tra il sesto ed il dodicesimo posto ex aequo; i loro toccanti testi (pubblicati in calce al presente articolo) sono un colloquio con il grande poeta, sviscerato anche a partire da personali e drammatiche esperienze.

Le studentesse sono state premiate a Recanati durante la cerimonia ufficiale svoltasi sabato 4 maggio presso il Teatro Persiani. Il concorso era stato indetto da “La casetta degli Artisti” nell’ambito degli studi e delle varie iniziative legati all’illustre poeta recanatese di cui, peraltro, il 2019 celebra anche il bicentenario de L’infinito. L’associazione aveva così lanciato di nuovo agli studenti la sua proposta, ossia commentare alcuni versi, tratti da differenti opere; per gli alunni delle scuole superiori la citazione è giunta dalla celeberrima canzone leopardiana, composta peraltro nel 1829, in cui il poeta, partendo da una sorta di ‘idillica’ rappresentazione della vita paesana, si sofferma su alcuni dei temi filosofici prediletti, ossia la riflessione sul piacere e sul dolore.

I testi pervenuti da tutta Italia alla giuria sono stati oltre 5.000 e oltre 1000 quelli relativi alla scuola superiore. Il Rosetti è l'unica scuola in Italia che vede due studenti in posizioni di merito, confermando così l’ottimo risultato già evidenziato nell’edizione dello scorso anno. Una bella soddisfazione per Sara (peraltro già finalista nazionale alle Olimpiadi dell’Italiano) e Valeria, ma anche per la loro insegnante di italiano, la professoressa Anna Amelia Breccia, che le ha coinvolte nel concorso, e per tutto l’istituto, che, per tramite della Dirigente Scolastica, Stefania Marini, si unisce alle congratulazioni per le due bravissime studentesse.

Foto di gruppo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn